Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • Consulenza & Assistenza

    (+39) 0833913338

  • calcola

Foglio Informativo

Redatto in ottemperanza al TITOLO VI del Decreto Legislativo n. 385/1993 (T.U.B.), alla Delibera del CICR del 4 marzo 2003 come modificata dal Decreto d’urgenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze – Presidente del CICR del 3 febbraio 2011, al Decreto Legislativo 13 Ottobre 2010 n. 141 e al Provvedimento della Banca d’Italia del 15 luglio 2016.

Il presente documento è messo a disposizione della clientela per la consultazione. E’ altresì, possibile asportarne copia. Contiene informazioni utili sull’attività ed i rischi della mediazione creditizia. Tali informazioni non costituiscono offerta al pubblico ai sensi dell’art. 1336 c.c.

1)INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO
MEDIOFIMAA SRL
Sede legale: piazza G. G. Belli n. 2 – 00186 Roma
Sede operativa: via Della Moscova, 18 - 20121 Milano
C.F/ P. IVA: 09121911003 Iscrizione R.E.A. n. 1141744
Numero iscrizione Albo OAM: M38 (iscrizione verificabile sul sito www.organismo-am.it)
Capitale Sociale euro: 2.000.000
Tel: 02.794231 – Fax: 02.72095352
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Registro – Sito internet: www.mediofimaa.it


2)CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA
Il Mediatore Creditizio è la persona giuridica che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, Banche o Intermediari Finanziari con la potenziale clientela al fine della concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. La concessione di finanziamenti, sotto qualsiasi forma, è riservata alle Banche ed agli Intermediari Finanziari iscritti in speciali elenchi previsti dagli artt. 106 e 107 del Decreto Legislativo 1° settembre 1993 n. 385 (T.U.B.- Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia).
Il Mediatore Creditizio mette in relazione due o più parti per la conclusione dell’affare senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o rappresentanza.
Il mediatore Creditizio deve necessariamente essere iscritto nell’Albo dei Mediatori Creditizi tenuto ed aggiornato dall’ OAM.
La mediazione creditizia prevede un’idonea attività di consulenza al cliente quale parte integrante dell’attività di mediazione stessa, la raccolta di richieste di finanziamento sottoscritte dai clienti per il successivo inoltro agli Enti Finanziatori/Erogatori e lo svolgimento della prima istruttoria per conto della Banca o dell’Intermediario Finanziario erogante. Non rientra nella mediazione creditizia la conclusione di contratti di finanziamento nonché l’effettuazione, per conto di Banche o di altri Intermediari Finanziari di erogazioni di finanziamenti, inclusi eventuali anticipi di questo, ed ogni forma di pagamento o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito. Non è consentita la consegna di assegni non trasferibili integralmente compilati dall’intermediario o dal cliente.
Mediofimaa opera con una pluralità di Banche e Intermediari Finanziari convenzionati e non convenzionati, senza essere legata ad alcuno di essi da vincoli di esclusiva.
La mediazione creditizia non garantisce l’erogazione del finanziamento richiesto poiché è la Banca o l’Intermediario Finanziario che delibera in merito alla richiesta del cliente che si è rivolto al Mediatore Creditizio pertanto quest’ultimo non potrà essere ritenuto in alcun modo responsabile dell’operato degli Enti Erogatori qualora il finanziamento non venisse concesso.


3)CONDIZIONI ECONOMICHE PRATICATE DAL MEDIATORE CREDITIZIO
1)Provvigione a favore del Mediatore Creditizio corrisposte dal cliente (nella misura massima): 3% esenteiva, calcolata sull’importo nominale del finanziamento mediato.
La provvigione che il cliente deve versare al mediatore creditizio viene comunicata all’istitutofinanziatore ed inclusa nel calcolo del TAEG.
2 Foglio informativo n. 2 del 1.07.2016
2)Oneri di istruttoria: a carico del richiedente, indipendentemente dalla conclusione del contratto di mediazione, ammontanti ad un massimo di € 500. Nel caso in cui il finanziamento venga perfezionato, l'importo sarà compreso nella provvigione pattuita.3)Spese documentate: a carico del richiedente, indipendentemente dalla conclusione del contratto di mediazione, per un ammontare non superiore ad € 300 (esempio di spese documentate: spese postali, bolli, visure ipocatastali e camerali).4)Oneri per servizi accessori od opzionali: a carico del richiedente, per un ammontare non superiore ad € 300 (esempio di servizi accessori: convenzioni con soggetti terzi, ricerche, indagini, riabilitazione creditizia).5)Clausola penale a carico del cliente richiedente: una penale pari all'importo degli oneri di istruttoria, nell’entità prevista al precedente paragrafo 2), sarà dovuta dal richiedente al Mediatore Creditizio nei seguenti casi: a) rifiuto di consentire l’esecuzione dell'incarico di mediazione e violazione degli obblighi di cui al successivo punto 4) (Obblighi del cliente richiedente); b) rinuncia ad accettare un finanziamento alle condizioni stabilite nell'incarico di mediazione sottoscritto.6)Clausola penale a carico del Mediatore Creditizio: In caso di rifiuto del Mediatore Creditizio di dare esecuzione al contratto, questi sarà tenuto al pagamento di una penale a favore del cliente richiedente nella misura pari agli oneri di istruttoria, di cui al precedente paragrafo 2).7)Compensi provvigionali: la provvigione di cui al precedente paragrafo 1) sarà ugualmente corrisposta anche nel caso in cui il finanziamento sia erogato a condizioni diverse o per tipologia differente da quelle inizialmente richieste, a condizione che il richiedente accetti le nuove condizioni proposte. La provvigione sarà ugualmente corrisposta nel caso in cui il richiedente concluda l’affare con Enti Finanziatori segnalati dal Mediatore Creditizio, anche dopo la scadenza dell’incarico.8)Corrispettivo per il recesso dal contratto: il richiedente ha diritto di recedere dal contratto entro 14 giorni dalla sottoscrizione, senza dover fornire alcuna motivazione e senza dover sostenere alcun costo. Inoltre, ciascuna parte ha diritto di recedere dal contratto successivamente al 14° giorno dalla sottoscrizione pagando, a titolo di corrispettivo per il recesso, una somma pari agli oneri di istruttoria di cui al precedente paragrafo 2).9)Commissioni a carico dell’istituto Finanziatore: l’importo delle commissioni che l’istituto finanziatore dovrà versare a Mediofimaa Srl per i servizi dalla stessa prestati al momento non è noto. L’importo effettivo sarà comunicato al richiedente con la consegna del modulo denominato “Prospetto Informativo Europeo Standardizzato”.10)Detrazioni: l’eventuale commissione che Mediofimaa Srl dovesse ricevere da parte dell’istituto finanziatore non verrà detratta dall’importo della provvigione dovuta dal cliente.


4)CLAUSOLE CONTRATTUALI REGOLANTI IL CONTRATTO DI MEDIAZIONE
DIRITTI DEL CLIENTE RICHIEDENTE:
Il cliente ha diritto di recesso, sia entro i primi 14 giorni dalla data della stipula del Contratto di Mediazione sia successivamente ad essa, da esercitarsi mediante invio di comunicazione scritta con raccomandata a/r indirizzata al Mediatore Creditizio.
Il cliente ha diritto di ottenere preventivamente, anche in caso di offerta fuori sede, copia del testo del contratto di mediazione, senza termini o condizioni, e copia del documento di sintesi riepilogativo delle principali condizioni nonché copia del foglio informativo aggiornato, predisposti dal Mediatore Creditizio. La consegna delle copie NON vincola le parti alla conclusione del contratto.
Quando il Mediatore Creditizio presenta al cliente prodotti, operazioni o servizi di una banca o di un intermediario o effettua la raccolta di richieste di finanziamento sottoscritte dai clienti per il successivo inoltro all’intermediario erogante, il cliente ha diritto di ricevere dal mediatore creditizio, in tempo utile prima che il contratto sia concluso e rilasciando apposita dichiarazione di avvenuta consegna, il foglio informativo relativo ai prodotti o servizi offerti e, se prevista, la Guida.
Quando il mediatore creditizio impiega tecniche di comunicazione a distanza, l’invio della documentazione di cui sopra può avvenire per tale via.
Il cliente ha diritto di ottenere, successivamente alla sottoscrizione del Contratto di Mediazione Creditizia, copia dello stesso e dell'allegato documento di sintesi.
Nel caso in cui il Mediatore Creditizio riceva commissioni da più istituti finanziatori, il cliente-consumatore ha diritto di ricevere, su sua espressa richiesta, informazioni comparabili sull’ammontare delle commissioni
3 Foglio informativo n. 2 del 1.07.2016
corrisposte da ciascun finanziatore.
Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell’amministrazione dei suoi beni hanno diritto di ottenere dal Mediatore Creditizio, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque entro e non oltre 90 giorni dalla richiesta, copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi 10 anni. Al cliente possono essere addebitati solo i costi di produzione di tale documentazione.


OBBLIGHI DEL CLIENTE RICHIEDENTE:
Il cliente ha l’obbligo di fornire dati ed informazioni corrispondenti al vero.
Il cliente deve dichiarare: di non essere in stato palese di bisogno, di non avere pratiche di finanziamento in sofferenza, di non avere sconfinamenti di fidi bancari, di non avere rate di finanziamento insolute e/o pagate in ritardo, di non essere a conoscenza di essere stato segnalato come cattivo pagatore (anche in qualità di garante) nelle Banche Dati a cui hanno accesso gli Enti Eroganti, di non aver subito protesti, pignoramenti, sequestri, procedure concorsuali, rientri coatti di fidi bancari, di non possedere beni gravati da ipoteche giudiziali e/o legali; inoltre, deve comunicare al Mediatore Creditizio quali finanziamenti ha in corso e quali sottoscrizioni di fidejussioni/garanzie ha in essere. Viceversa, qualora sussistessero situazioni pregiudizievoli, il richiedente è obbligato a comunicarlo al Mediatore Creditizio.
Il cliente ha, infine, l’obbligo di dichiarare se ha stipulato nei sei mesi precedenti altri Contratti di Mediazione Creditizia aventi ad oggetto i medesimi prodotti finanziari.


OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO:
Il Mediatore Creditizio deve comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, tenendo conto dei diritti e degli interessi del consumatore.
Deve basare la propria attività sulle informazioni rilevanti riguardanti la situazione del consumatore, su ogni bisogno particolare che questi ha comunicato, su ipotesi ragionevoli riguardo ai rischi cui è esposta la situazione del consumatore per la durata del contratto di credito.
Il Mediatore Creditizio deve assistere il richiedente fino al perfezionamento dell’operazione e fornirgli la consulenza necessaria all’esecuzione dell'incarico, in considerazione del fatto che essa costituisce parte integrante del servizio di mediazione creditizia.


ALTRE CLAUSOLE CONTRATTUALI:
L’incarico ha durata a partire dal giorno della sottoscrizione del contratto fino ad un massimo di 90 giorni. Scaduto il termine, il vincolo contrattuale si intenderà cessato ad ogni effetto senza necessità di disdetta da alcuna delle parti.
Il mediatore creditizio ha diritto di recedere dal contratto in qualunque momento. Le condizioni economiche per l’esercizio del diritto di recesso sono indicate al precedente punto 3), paragrafo 8).
Eventuali contratti accessori devono essere espressamente accettati e sottoscritti dal cliente richiedente.
Il cliente prende atto che il ricorso alla mediazione creditizia non garantisce l’erogazione del finanziamento richiesto pertanto il Mediatore Creditizio non potrà essere ritenuto in alcun modo responsabile dell’operato degli enti erogatori (Banche ed Intermediari Finanziari), anche nell’ipotesi in cui in finanziamento richiesto non venisse concesso.
Eventuali reclami relativi ai servizi prestati da Mediofimaa o dai suoi collaboratori dovranno essere inoltrati tramite lettera raccomandata a.r. da inviarsi a Mediofimaa S.r.l. – Servizio Reclami - o tramite mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Nel reclamo dovranno essere indicati: il nominativo ed il recapito del cliente, i dati del contratto di mediazione creditizia qualora stipulato, il nominativo del/dei collaboratore/i che ha/hanno gestito la pratica per conto di Mediofimaa S.r.l., ed i motivi del reclamo.
Nel caso di insorgenza di controversie sarà competente il Foro del luogo di residenza o domicilio del consumatore.

4 Foglio informativo n. 2 del 1.07.2016
DATI DEL COLLABORATORE DEL MEDIATORE CREDITIZIO INCARICATO DELLA MEDIAZIONE
Signore/a RIVOLI DONATO
Uff. Promotore Creditizio VIA REG. MARGHERITA, 164
Partita IVA 02882330752
Telefono 0833 913338
E-Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


LEGENDA
(Clausola) Penale: Clausola inserita in un contratto mediante la quale le parti, per rafforzare il vincolo contrattuale stabiliscono quanto dovrà essere pagato (appunto, a titolo di penale) dalla parte che dovesse rendersi inadempiente. La clausola penale quantifica a priori la liquidazione dell'eventuale danno.
Cliente: qualsiasi soggetto (persona fisica o giuridica) che intenda entrare in relazione con banche o intermediari finanziari per la concessione di un finanziamento per il tramite del mediatore creditizio.
Consumatore: la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta.
Corrispettivo per il recesso: Importo quantificato a priori che la parte, che chiede di esercitare il diritto di recesso in un contratto a prestazioni corrispettive, deve corrispondere all’altra per risolvere il contratto.
Intermediari finanziari: società che svolgono attività finanziaria iscritte nell’elenco generale o nell’elenco speciale previsti, rispettivamente, dagli art. 106 e 107 del D.Lgs. 1° settembre 1993 n. 385 (T.U.B.).
Locale aperto al pubblico: locale accessibile al pubblico e qualunque locale adibito al ricevimento del pubblico per l’esercizio dell’attività di mediazione creditizia.
Mediatore creditizio: persona giuridica che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari con la potenziale clientela al fine della concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma.
Offerta fuori sede: attività di mediazione creditizia svolta in luogo diverso dal domicilio, dalla sede o da altro locale aperto al pubblico del mediatore creditizio.
Tecniche di comunicazione a distanza: tecniche di contatto con la clientela, diverse dagli annunci pubblicitari, che non comportano la presenza fisica e simultanea del cliente e del mediatore creditizio.
O.A.M.: Organismo degli Agenti e dei Mediatori. Procede all’iscrizione negli elenchi dei mediatori creditizi. Verifica il rispetto della disciplina a cui sono sottoposti i mediatori creditizi e commina le relative sanzioni.
T.A.E.G.: Tasso annuo effettivo globale. E’ il costo totale del credito a carico del consumatore espresso in percentuale annua del credito concesso, comprensivo degli interessi e di tutti gli oneri da sostenere per utilizzare il credito.
I.S.C.: Indicatore Sintetico di Costo. E’ espresso in percentuale annua e comprende tutti gli oneri dasostenere per utilizzare il credito concesso, compresa anche la provvigione di mediazione