• Consulenza & Assistenza

    (+39) 0833913338

  • calcola

Dal 1° gennaio 2020 l’Euribor, il tasso interbancario che interessa tutti coloro che stanno rimborsando un mutuo a tasso variabile, verrà calcolato in un modo nuovo. L’attuale (e per certi versi preistorico) sistema basato sulle telefonate (attraverso cui una ventina di banche di un panel europeo dichiarano a quali tassi si scambiano il denaro fra loro e da cui poi si ricava, come dato medio, l’Euribor) verrà rimpiazzato da un calcolo basato sugli scambi effettivi (e non più dichiarati). Da un sistema “fiduciario” si passerà a un criterio più scientifico per ottenere giornalmente il nuovo Euribor (sulle varie scadenze da 1 settimana a 12 mesi).

Cosa cambierà per i mutuatari? Formalmente nulla. Perché il loro contratto continuerà ad essere agganciato all’Euribor (la maggior parte segue quello a 3 mesi e un’altra fetta importante è agganciata all’indice mensile). Anche nella sostanza non dovrebbe cambiare nulla se non che il nuovo Euribor in certi momenti potrebbe essere più volatile, qualora gli scambi effettivi tra le banche del panel dovessero rarefarsi. Un’ipotesi tuttavia estremamente remota dato che si verifica quando viene a mancare la fiducia tra le singole banche (come accaduto l’ultima volta nel 2008, anno in cui l’Euribor balzò per alcune settimane oltre il 5%). Oggi le banche hanno un problema di redditività ma non di liquidità (di quella ce n’é fin troppa come dimostra la bassa domanda alle ultime aste T-Ltros, finanziamenti a medio termine a sconto della Bce).

LE PREVISIONI
dal Sole24Ore

Anche il mercato non è preoccupato. I future sull’andamento dell’Euribor a 3 mesi (quotati sul mercato londinese Liffe) proiettano l’indice in ulteriore calo da qui fino a giugno del 2021 (quando dovrebbe scendere dall’attuale -0,43% a -0,55%) prevedendo che la Bce nel frattempo vada ulteriormente a tagliare il tasso sui depositi (a cui l’Euribor è indirettamente agganciato) da -0,5% a -0,6%. Dopodiché l’Euribor potrebbe leggermente risalire ed è “visto” in area -0,15% a settembre del 2025. Per i mutuatari variabili il fatto che l’Euribor dovrebbe restare negativo e quindi tecnicamente andrebbe sottratto anziché sommato allo spread per il calcolo del tasso finale del mutuo non può che essere una buona notizia. L’Euribor è negativo da marzo 2015, quindi da oltre 1.300 giorni. E tale dovrebbe restare per almeno altri 6 anni, ovvero altri 2.180 giorni. Anche nella nuova, e più scientifica, versione.

Visto sul Sole24Ore


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati